Mozambico - Mani Unite Onlus

Mozambico

Il Mozambico, rimasto 500 anni sotto il dominio del  Portogallo, è divenuto indipendente nel 1975, dopo la guerra di liberazione guidata dal Frelimo. Nel 1977 è iniziata una lunga guerra civile che ha devastato il paese e causato decine di migliaia di morti e oltre quattro milioni di profughi.

Dopo l’accordo di pace, firmato a Roma nel 1992, è iniziata la ricostruzione grazie al sostegno della comunità internazionale e delle organizzazioni di aiuto umanitario mentre il governo ha promulgato una nuova costituzione e legalizzato i partiti di opposizione.
Tuttavia, nonostante la crescita economica degli ultimi anni, il Mozambico continua ad avere gli indicatori economici tra i più bassi del mondo.
La percentuale della popolazione al di sotto della soglia di povertà è del 54%. L'accesso scolastico alla scuola elementare è del 75% nelle località urbane e del 53% nelle località rurali, mentre l'analfabetismo raggiunge il 55%. Le principali cause di morte tra i bambini sono la malaria, le infezioni respiratorie e il morbillo. La povertà è legata anche all'Aids: secondo recenti stime il numero dei bambini orfani a causa dell'epidemia è di oltre 940mila. Elevata anche la denutrizione che influisce sulla crescita fisica e intellettuale.


Principali indicatori economici
 

Superficie

 801.590 Km²

Popolazione 21.340 mila

Tasso di crescita

 2,39%

Tasso di natalità

 43 nati vivi/1000 abitanti

Tasso di mortalità

 17 decessi/1.000 abitanti

Struttura etaria

 

0-14 anni

 45%

15-64 anni

 53%

oltre 65 anni

 2%

Gruppi etnici

 

Indigeni

 98,4%

Meticci

 0,2%

Europei

 0,8%

Religione

 

Cattolici

 25%

Musulmani

 15%

Animisti 0,6%
     
 
  Approfondimenti:

 

 

Home | Chi siamo | Attività | Sostegno a distanza | Acqua per la Vita | Sostienici | Contatti | Privacy                     

 
Mani Unite Mozambico (Onlus) 
Via C. Battisti, 7/A - 33100 Udine  
Via F. Molteni 2/1 - 16151 Genova

Tel. +39 348 2661321   
CF 95109720102