Cerca

Coronavirus e povertà globale: le stime



Se il nuovo anno ci regala qualche speranza nella lotta contro COVID-19, è utile guardare indietro e fare il punto quali effetti ha avuto la pandemia sulla povertà nel 2020. Nell’ottobre 2020, utilizzando dati di giugno, la Banca Mondiale ha stimato che tra 88 e 115 milioni di persone in tutto il mondo sarebbero state spinte in povertà estrema nel 2020. Secondo le previsioni del mese in corso del GEP (Global Economic Prospects), ora ci si aspetta che i nuovi poveri indotti dal COVID-19 nel 2020 saliranno tra 119 e 124 milioni.

Si tratta di un aumento stimato della povertà globale senza precedenti. 2020


Prima del COVID, l’unico aumento indotto dalla crisi nel numero globale di poveri negli ultimi tre decenni è stata la crisi finanziaria asiatica, che ha aumentato la povertà estrema di 18 milioni nel 1997 e di altri 47 milioni nel 1998. Nelle due decenni dopo il 1999, il numero di persone che vivono in estrema povertà nel mondo è diminuito di oltre 1 miliardo di persone. Parte di questo successo nella riduzione della povertà è destinato a essere annullato a causa della pandemia COVID-19. Per la prima volta in 20 anni, è probabile che la povertà aumenti in modo significativo. Si stima che la pandemia COVID-19 aumenterà la povertà estrema tra 88 milioni (stima di base) e 93 milioni (stima al ribasso) nel 2020. Considerando coloro che altrimenti sarebbero sfuggiti alla povertà estrema ma non lo faranno a causa della pandemia (cioè 31 milioni in 2020), il totale dei nuovi poveri indotti da COVID-19 nel 2020 è stimato tra 119 e 124 milioni.

Utilizzando varie previsioni di crescita disponibili nel 2020, il secondo grafico mostra sia la variazione del numero stimato di nuovi poveri indotti da COVID-19 nel 2020 sia i contributi di varie regioni del mondo.

Sotto la soglia di povertà di 1,90 dollari al giorno, si stima che 62 milioni sarebbero caduti in povertà estrema a livello globale nel 2020, con l’Asia meridionale e l’Africa subsahariana che contribuiranno ciascuna per circa due quinti. L’aumento del numero di poveri è visibile anche alla soglia di povertà di 3,20 dollari, aumentati da 175 milioni a 228 milioni (da giugno 2020 a gennaio 2021), sempre guidati dall’Asia meridionale. Alla soglia dei 5,50 dollari, non si registra un peggioramento della stima globale. Ciò è in gran parte spiegato da una prospettiva migliore del previsto per l’Asia orientale e il Pacifico, che contrasta la revisione al rialzo in Asia meridionale.

Nonostante i progressi nello sviluppo dei vaccini, non sembra che l’aumento della povertà dello scorso anno sarà invertito nel 2021. Il terzo grafico presenta la situazione attuale della povertà fino al 2021 utilizzando il pre-COVID-19 e gli scenari di base e al ribasso delle previsioni GEP di gennaio 2021. Nel 2021, i poveri indotti da COVID-19 stimati aumenteranno tra 143 e 163 milioni. Sebbene le stime per il 2021 siano molto preliminari, dimostrano che per milioni di persone in tutto il mondo questa crisi non avrà vita breve.

In seguito alla crisi finanziaria asiatica (vedi Figura 1), 42 milioni di persone sono uscite dalla povertà estrema nel 1999 e, in media, 54 milioni di persone sono uscite dalla povertà estrema ogni anno nei due decenni precedenti la pandemia.


Fonte: Lakner et al. (2020) (updated), PovcalNet, Global Economic Prospects.