Cerca

Fazila Waite

Mani Unite ha realizzato un pozzo nella località di Dondo, un distretto rurale nella provincia di Sofala, in Mozambico, dove risiede Fazila Waite con i suoi due nipoti i cui genitori sono entrambi deceduti.

Fazila dalla nascita ha sempre sofferto di malattie legate al consumo d’acqua che raccoglieva in un torrente a mezz’ora di cammino dalla sua abitazione

Era difficile anche curarsi, perché il centro sanitario era molto distante e spesso non aveva medicinali. Fazila ricorda le lunghe camminate sotto il sole per andare al torrente e riempire le taniche d’acqua. Andava due volte al giorno, al mattino e nel pomeriggio.

“Una tanica d’acqua – dice – con 20 litri d’acqua pesa 20 chili e trasportarla sino a casa era faticoso, eppure bisognava farlo: con l’acqua preparavamo il pranzo e la cena. Io facevo due viaggi e anche mia madre faceva uno o due viaggi”.


Da quando esiste il pozzo i problemi di Fazila sono finiti. Il pozzo è a pochi minuti dalla sua casa e i suoi due nipoti hanno acqua pulita da bere e non soffrono di malattie come Fazila alla loro età. "Anche le malattie nella nostra comunità sono diminuite - spiega. Ora ho più tempo per badare ai miei nipoti e accompagnarli a scuola e all’asilo, perché sono l’unica che può aiutarli dopo la morte dei loro genitori”.