Cerca

Malattie infantili: sono curabili ma continuano ad uccidere


Nonostante siano completamente prevenibili e curabili, le malattie infettive comuni stanno ancora uccidendo i bambini piccoli in gran numero. I bambini sotto i 5 anni sono particolarmente vulnerabili alle malattie infettive come la malaria , la polmonite , la dissenteria , l' HIV e la tubercolosi. Per i bambini più grandi, le malattie non trasmissibili, gli infortuni e i conflitti rappresentano le minacce più significative.



Polmonite, dissenteria e malaria sono state responsabili di circa il 29% delle morti globali tra i bambini di età inferiore ai 5 anni nel 2019. I bambini nelle regioni più povere del mondo sono colpiti in modo elevato, in particolare nell'Africa subsahariana.


Polmonite

La polmonite uccide circa 800.000 bambini all'anno. In molte parti del mondo, un bambino muore di polmonite ogni 39 secondi, anche se la malattia è del tutto prevenibile e può essere facilmente gestita con antibiotici.

I decessi causati dalla polmonite sono fortemente legati alla denutrizione, alla mancanza di acqua potabile e servizi igienici, all'inquinamento dell'aria interna e all'accesso inadeguato all'assistenza sanitaria.

Tutti questi fattori sono aggravati dalla povertà, che rende la polmonite una malattia di disuguaglianza, concentrata nelle popolazioni più povere di tutto il mondo.

Ma esistono semplici soluzioni protettive, preventive e di trattamento:

Misure protettive come l'allattamento al seno esclusivo, un'alimentazione complementare adeguata e l'integrazione di vitamina A forniscono le basi per mantenere i bambini sani e liberi da malattie.

Misure preventive come vaccinazioni, riduzione dell'inquinamento atmosferico domestico, acqua potabile sicura, servizi igienici e igiene aiutano a difendere i bambini dalle malattie.

Gli antibiotici sono fondamentali per il trattamento della polmonite. Nel 2019, l'UNICEF ha fornito cure antibiotiche a oltre 6,8 milioni di bambini in 63 paesi.



Dissenteria

Negli ultimi anni, nonostante siano stati compiuti progressi significativi nella riduzione dei decessi infantili, la dissenteria rimane una delle principali cause di morte dei bambini. Nel 2017 ha causato il decesso di circa 480.000 bambini in tutto il mondo, rappresentando l'8% di tutti i decessi tra i bambini sotto i 5 anni. La maggior parte dei decessi si è verificata tra i bambini di età inferiore ai 2 anni in Asia meridionale e Africa subsahariana.

Questi bambini avrebbero potuto essere salvati con semplici interventi, come il sale per la reidratazione orale e lo zinco: circa il 70-90% dei decessi causati da dissenteria può essere prevenuto con il sale di reidratazione orale, mentre si stima che lo zinco riduca la mortalità per dell'11,5 per cento. Anche i liquidi appropriati, l'allattamento al seno, l'alimentazione continua e l'uso selettivo di antibiotici sono fondamentali.

Nel 2018, l'UNICEF ha distribuito oltre 103 milioni di compresse di zinco e oltre 56 milioni di bustine di sale per la reidratazione orale in tutto il mondo.


Malaria

La malaria è la terza malattia più mortale al mondo per i bambini di età compresa tra un mese e 5 anni, dopo polmonite e dissenteria. Nel 2017, circa 266.000 bambini di età inferiore ai 5 anni sono morti a causa della malattia, pari al 61% delle morti per malaria nel mondo.

L'eliminazione della malaria richiede elevati investimenti, in particolare nella ricerca e nella prevenzione, come le zanzariere trattate con insetticida che forniscono una difesa efficace contro la malaria, mentre la diagnosi rapida si è dimostrata essenziale per il trattamento.


Tubercolosi

La tubercolosi è una malattia che si sa come prevenire e curare. Eppure, ogni giorno muoiono oltre 600 bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi un quarto di milione ogni anno. La maggior parte di questi decessi si verifica tra i bambini di età inferiore ai 5 anni.

Sebbene i paesi abbiano sviluppato metodi per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e il trattamento della tubercolosi negli adulti, i bambini sono ancora le vittime. Tra il milione di bambini che si stima si ammalino di tubercolosi ogni anno, meno della metà viene identificata e registrata dai programmi nazionali.

Il novantasei per cento dei bambini che muoiono di tubercolosi non ha mai avuto accesso alle cure.

Anche i bambini vengono lasciati indietro negli sforzi di finanziamento. Sebbene rappresentino circa il 10% dei malati di tubercolosi a livello mondiale, rappresentano solo il 3% della spesa complessiva per la ricerca e lo sviluppo.



In queste sfide interviene l'UNICEF con attività di prevenzione, concordate con i governi, migliorando l’assistenza sanitaria comunitaria di base, aumentando la conoscenza sulla tubercolosi e rafforzando i sistemi di screening, la vaccinazione e il trattamento farmaceutico.

Le malattie rientrano dell’obiettivo 3 dell’Agenza 2030: Salute e Benessere, il cui obiettivo prioritaria è rappresentato dalla riduzione del tasso di mortalità materna globale a meno di 70

per 100mila nati vivi.

Fonte dei dati: https://www.unicef.org/health/childhood-diseases


Per saperne di più sull'Agenda 2030