Progetto Sikuama

Mani Unite Mozambico. Sostegno alunni.

 

Scuola e nutrizione per i bambini di Sikuama

In sintesi

Il quartiere di Sikuama  è uno dei quartieri più densamente abitati della città di Matola, un grande centro a poca distanza dalla capitale Maputo, e presenta in maniera particolarmente accentuata tutte le caratteristiche delle periferie suburbane del Mozambico: assenza di condizioni igieniche, sovraffollamento, elevata presenza di malattie infettive, mancanza di attività produttive ed elevato indice di disoccupazione. La densità abitativa è notevole ed è dovuta all’elevato numero di sfollati giunti dalle località dell’interno durante la guerra civile. 


È  diffusa l’economia informale che rappresenta l’unica alternativa alla sopravvivenza. Elevato l’indice di sottoalimentazione per la fascia più a rischio (da 0 a 5 anni) a causa del potere d’acquisto praticamente nullo della maggior parte dei nuclei familiari. 
Le condizioni di vita sono difficili: la maggior parte della popolazione vive in condizioni di povertà; la percentuale di analfabetismo tra gli adulti è del 65% e la percentuale di scolarizzazione non supera il 50%: la metà dei minori non ha mai iniziato la scuola elementare. La mortalità infantile risulta elevata mentre lo scarso apporto alimentare giornaliero è insufficiente ad assicurare una crescita adeguata. 

Assieme alla comunità locale abbiamo elaborato un programma di sostegno a beneficio dei bambini in situazione di vulnerabilità garantendo nutrizione e materiale scolastico. L'intervento è stato integrato nelle iniziative di lotta alla malnutrizione e all'analfabetismo.

Risultati ottenuti

L’intervento, concluso nel 2014, ha garantito agli alunni a rischio di vulnerabilità sociale:

  • le necessità alimentari basiche giornaliere degli alunni/alunne 

  • la frequenza scolastica mediante la distribuzione del materiale didattico necessario allo studio

 

Moamba_Matola.JPG
segnaposto icona_clipped_rev_1.png
Segnaposto.png
moamba 2.JPG

L’intervento risponde ai seguenti obiettivi di sviluppo sostenibile:

res712099_02.jpg
res712101_04.jpg