Un po' di storia

Banner storia SAD.jpg

Dall'adozione spirituale all'adozione a distanza

Non è semplice fissare una data precisa di inizio del fenomeno delle adozioni a distanza. Una forma di adozione spirituale era già nota all’inizio del Novecento con il sostegno dei seminaristi nel mondo, a cura della Pontificia Opera di S. Pietro Apostolo, che ancora oggi si occupa della formazione dei sacerdoti nel mondo.

Altre forme di adozioni a distanza finalizzate ad un progetto compaiono alla fine degli anni Cinquanta ad opera del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) che lancia negli Stati Uniti il Foster Parents Mission Club (Club missionario dei genitori adottivi) con il proposito di sostenere a distanza i bambini orfani delle missioni in Birmania.
Ma c’è chi sostiene che le prime forme di adozione a distanza risalgono, sempre in ambito statunitense, agli anni successivi alla guerra del Vietnam per aiutare i bambini vittime del conflitto.

In Italia le prime forme di adozione a distanza nascono negli anni successivi al Sessantotto con il sorgere di movimenti e gruppi, anche ecclesiali, che s’impegnano nel campo della giustizia e della solidarietà con i Paesi in via di sviluppo.

La crescita del fenomeno dell’adozione a distanza è abbastanza graduale sino verso la metà degli anni Ottanta. In questo periodo, in concomitanza con la crisi dello Stato assistenziale e della cooperazione internazionale, si osserva una rapida evoluzione: diminuendo sempre più l’intervento dello Stato nel sostegno ai Paesi in via di Sviluppo, la solidarietà con il Sud del mondo cerca altre strade e un’alternativa viene individuata nell’adozione a distanza che si afferma come una nuova forma di sostegno.
Oltre alle congregazioni religiose, scendono in campo anche le associazioni laiche, gli enti morali e le
Organizzazioni non Governative (Ong).

 

Un primo vero riferimento che si rifà all’adozione a distanza si ha nel 1995 con l’enciclica di Giovanni Paolo II  Evangelium Vitae dove l’adozione a distanza viene evidenziata come forma di solidarietà e diviene lo strumento da privilegiare in situazioni di disagio economico e familiare.

Oggi in Italia sono centinaia gli organismi attivi nel settore, dalle piccole realtà parrocchiali alle grandi multinazionali della solidarietà. Pur costituendo un panorama eterogeneo, diverse organizzazioni hanno sentito l’esigenza di unirsi in coordinamenti come il Forum SAD, la più grande rete italiana di sostegno a distanza.

C’è da sperare che l’adozione a distanza non perda la spinta che ha permesso una così grande diffusione e che mantenga inalterata la sua origine: quella di essere espressione di solidarietà verso chi ha gli stessi diritti dei nostri figli ma non ha le stesse possibilità per realizzarli.

 

 Inizia il tuo sostegno a distanza

 Inizia il tuo sostegno a distanza

Offrirai istruzione, cibo e acqua pulita.

Offrirai la possibilità di crescere e diventare un adulto autonomo e consapevole, in grado di contribuire

allo sviluppo del suo Paese. 

Bastano 65 centesimi al giorno (20€ mensili) 

per cambiare il suo futuro.

 Per approfondire

Resta in contatto

Iscriviti alla newsletter

Mani  Unite Mozambico

Dal 1986 con i bambini africani

Contattaci

Mani Unite Mozambico

Via T. Molteni, 2/1 A 

16151 Genova GE

Tel. +39 348 2661321

info@maniunite.org

Codice Fiscale: 951 097 201 02

Donazioni
Seguici
  • Facebook

C.C. Postale n° 80058464 intestato a: Mani Unite Mozambico 

Banca Etica - IBAN:  IT 21 J 05018  01400  000011219672 

Mani Unite fa parte di:
Logo Forum Sad_clipped_rev_1.png
Sitemap