Cerca

Una mamma per gli orfani del Mozambico



Inizi degli anni 90. Olinda Mugabe, infermiera di formazione, con lunga esperienza di lavoro in una organizzazione mozambicana di sviluppo e sostegno alla famiglia, si accorge che l’AIDS sta prendendo il sopravvento nel Paese. Ma la gente sembra non reagire a questo flagello, è molto più preoccupata per la guerra civile. Olinda allora prova a scuoterla. Con alcuni malati crea l’associazione “Quiquimuca” (Svegliatevi), e li incoraggia a comparire sui media per convincere la gente ad agire.


Raggiunto l’obiettivo, Olinda cerca di fare altro. A colpirla sono i tanti bambini rimasti nel frattempo orfani e di restare indifferente non ne vuole sapere. Chiama alcune sue amiche, che in passato come lei avevano aspirato alla vita religiosa, e insieme creano la “Reencontro”. Oggi questa onlus assiste circa 10 mila orfani di genitori uccisi dall’AIDS nelle Provincie di Maputo e Gaza, nel meridione del Paese, dove l’incidenza della malattia è la più alta del Mozambico: 22,9% e 24,4% (la media nazionale nel 2017 era del 13,2%).


Reencontro ha sede nel quartiere Mahotas, periferia di Maputo. È intitolata alla Beata Maria da Paixão, fondatrice delle Francescane Missionarie di Maria, della cui Congregazione le creatrici di questo “Centro per l’Accoglienza di Bambini Orfani e Vulnerabili” in passato hanno fatto parte e alla quale rimangono legate da un rapporto di fiducia e collaborazione.


Da adolescenti Olinda e le altre compagne volevano diventare religiose, ma per diversi motivi non hanno potuto coronare questo sogno, così ognuna ha seguito la propria strada. Nel loro cuore però la spiritualità francescana ha continuato a spandere il suo profumo evangelico, a irrobustire il desiderio di essere di aiuto agli altri. Diversi anni dopo l’invito di Olinda le ha riunite e ha permesso loro di incanalare la spinta di donarsi, in questo caso gli orfani.


"Per questo non poteva esserci nome migliore per l’Associazione Reencontro. Ritrovo tra noi stesse, ritrovo di nuovi parenti per gli orfani, ritrovo con la nostra missione: amore, carità, aiuto reciproco”. Era un’opportunità, raccontano, che Dio ci dava ancora una volta per seguirLo e, ognuna, con questo spirito, ha cominciato a contribuire con il poco che aveva (un piatto, una sedia, un tavolo, un bicchiere di riso o di zucchero) per aiutare i bambini. Finché, quattro anni dopo, nel 2002, l’Associazione è stata riconosciuta formalmente e ha cominciato a crescere.


Con l’aiuto di vari organismi come USAID, il “Global Fund for Children”, “Cross International”, ma anche commercianti e benefattori locali, la Reencontro aiuta questi bambini a ogni livello di esigenza: alimentare, educativo, di salute, per ciò che riguarda il bisogno di una casa, di vestiti, di accompagnamento, di ricerca di “padrini e madrine” per l’adozione a distanza, ma anche per la trasmissione di valori religiosi, morali e civili, o semplicemente di un po’ di affetto… Il tutto grazie ai servizi offerti dai centri presenti nelle due provincie meridionali e, soprattutto, attraverso un significativo numero di volontari, donne e uomini, che per Olinda sono “l’occhio della Reencontro” nelle comunità, cioè in quell’ambiente domestico e naturale in cui la stragrande maggioranza dei bambini assistiti trascorre le sue giornate.


In poco più di vent’anni di attività, la Reencontro, fondata nel 1998, “è cresciuta molto” e segni che molto di buono è stato fatto sono gli apprezzamenti che la onlus riceve sia dal Governo che dalla Chiesa, “e questo ci rallegra” racconta la fondatrice. Tuttavia, prosegue, “le difficoltà sono molte e riguardano in larga parte la sussistenza dell’Associazione in quanto istituzione”. Olinda mostra il suo sorriso più bello quando parla dei tanti successi registrati nel lungo lavoro di questi anni. Uno delle storie che ricorda con commozione è quella di un giovane che oggi ha 19 anni. Da piccolo era un bambino irrequieto, che soffriva molto per l’assenza dei genitori. Viveva con la nonna e altri fratellini sieropositivi. Ha smesso di andare a scuola e ha cominciato a prendere brutte strade. La Reencontro lo ha preso sotto la propria ala, lo ha consigliato, inserito in alcune attività, e ora lavora, studia e mantiene la nonna e i fratelli. Un altro ragazzo ha potuto diplomarsi e ora fa l’insegnante di inglese. Molti sono già in grado di sostenere se stessi e le proprie famiglie e non hanno più bisogno di aiuto. E ogni volta che qualcuno/a si sposa, per la Reencontro è una grande gioia.



Ottimista e donna di fede, Olinda Mugabe, nel suo stile pacato, si rallegra con i recenti accordi di consolidamento di Pace, firmati tra il Governo e la Renamo. Prima, con l’aria di tensione e conflitto che si respirava, i volontari della Reencontro temevano di non potersi spostare nell’entroterra per assistere i bambini.


Anche i cicloni Idai e Keneth che hanno distrutto il centro-nord del Mozambico nei mesi di marzo e aprile scorsi, provocando centinaia di morti, hanno avuto, paradossalmente, un effetto positivo: un rafforzamento della solidarietà fra le persone. Pur nel loro piccolo, i membri dell’Associazione hanno fatto una raccolta di cose successivamente inviate alla popolazione stremata di Beira.